Immagine
Ho avuto la fortuna ed il piacere di conoscere personalmente Giorgio Calcaterra. L'ho contattato a gennaio per proporgli la trasferta alla maratona di New York per portare insieme a noi il messaggio della Via della Felicità,una guida al buonsenso per una vita migliore.
Ho scoperto ciò che già sapevo per sentito dire:una grande persona,prima ancora che un grandissimo campione.
Di una disponibilità infinita,difficilmente riscontrabile in campioni di così alto livello,ho avuto il privilegio di correre con Giorgio nel giorno del suo 40esimo compleanno per 12 indimenticabili km e durante quell'ora di corsa ho scoperto una persona pulita,onesta e leale che da sempre si fa portavoce di uno sport vero e senza "mezzucci" per migliorare le prestazioni. Giorgio è Campione del Mondo ma soprattutto è uno di noi.
Quanto sia amato dal popolo dei runners l'ho scoperto una volta di più domenica 22 aprile quando con l'inseparabile Lillo ho partecipato alla 100 km di Seregno con l'obiettivo dichiarato di correre un buon lungo di 60 km in vista del Passatore.
Per evitare le code dell'anno precedente siamo partiti presto così ci siamo potuti godere la perfetta organizzazione dei Marciacaratesi,una macchina perfetta che ha una sintonia invidiabile con le istituzioni locali.
Dopo il consueto caffè pre-gara ci siamo cambiati ed abbiamo aspettato lo start.
La manifestazione prevedeva 5 giri da 20 km ognuno e noi abbiamo deciso di correrne solo 3.Prima di entrare nella griglia,ho aspettato che uscisse Giorgio e quando l'ho visto gli ho fatto l'in bocca al lupo e lui l'ha fatto a me.Cominciamo bene direi.
Alle 8.30 siamo partiti per il nostro lungo,lento allenamento.Volevamo tenere un passo da 6'/km con pause ai ristori ed i primi due giri sono andati bene.Siamo infatti passati al 40esimo km in 4 ore e 10' non prima di aver vissuto il primo doppiaggio da parte di un'atleta spagnolo,da Giorgio che mi ha salutato con un cenno della mano e da un altro italiano di cui non voglio ricordare il nome e che,se ci fosse stata una giustizia vera,non avrebbe dovuto nemmeno essere lì.
È paradossale:il campione pulito che vince sempre contro "l'altro" che non vince mai e sta sempre dietro....
Con questi pensieri passiamo anche la distanza della maratona chiacchierando con Lillo,ormai i 42 km ci appartengono e quasi non facciamo più fatica!!
Pensiamo alle sofferenze dello Squero e capiamo che lui è un eroe più di tutti gli altri,d'altronde il miracolo non è arrivare in fondo ma avere il coraggio di partire...!
Ad ogni ristoro è una festa,ci fermiamo addirittura ad un gazebo degli alpini che vorrebbero farci mangiare di tutto.Decliniamo cortesemente quasi del tutto l'invito e ripartiamo...
Verso il 55esimo km comincio a sentire un po' di stanchezza,il mese di stop tra marzo e aprile per le costole rotte alla 100 km del Sahara si fa sentire. Faccio un cenno a Lillo che aumenta il passo e se ne va.
Ho con me nel marsupio la bandiera dell'Italia griffata con il logo della Via della Felicità e penso che potrei darla a Giorgio se mi passa ancora prima del suo storico traguardo.In effetti facendo due calcoli,io sono alla fine del terzo giro e come crono lui dovrebbe essere alla fine del quinto e quindi della gara.Sono sicuro che è in testa,lo chiedo ad ogni ristoro e puntualmente mi forniscono notizie esaltanti anche perché "l'altro" è sempre dietro...
I miei calcoli sono esatti infatti al mio km 57,5 (il 97,5 per Giorgio),sento la moto della testa della corsa e dietro la sagoma inconfondibile del Re che con la sua classica andatura ha un po' rallentato (per modo di dire) la sua falcata ma ha già "asfaltato" tutti.Dietro di lui c'è il vuoto.
Mi fermo,apro la bandiera e lui mi fa un cenno con la testa.Allora,dopo averlo incitato e dopo aver ricordato che "l'altro" è sempre dietro,lascio la bandiera alla persona che stava seguendo Giorgio in bicicletta.
Vedendo Giorgio involarsi a prendere il suo terzo titolo mondiale in mezzo ad un boato continuo di gente che lo incita,mi commuovo.Non mi capita spesso,peró stavolta non c'è stato verso.
Il ragazzo che ha costruito i suoi successi con il sudore,l'applicazione,la costanza.Che è rimasto semplice e genuino,che risponde alle mie mail e ai miei sms.Che accetta di correre con noi per una buona causa,che ti dice un "in bocca al lupo" sincero anche se sei l'ultimo dei tapascioni.
Questo è il campionissimo Giorgio Calcaterra.
Ed io mi sono commosso vedendolo a pochi metri dal suo terzo mondiale,amatissimo dalla gente.Per "altri"molto meno onesti,sono stati 100 km di insulti.
La mia gara,a quel punto,poteva anche finire lì così al 60esimo km,alla fine del terzo giro,mi sono fermato.
Ho trovato subito Lillo che era arrivato qualche minuto prima e ci siamo diretti negli spogliatoi dove,manco a farlo apposta,abbiamo incrociato Giorgio che aveva appena finito la visita antidoping e ci siamo trovati a cambiarci nella stessa stanza.
Abbiamo fatto la foto con la bandiera che poi gli ho regalato e,dopo la doccia,abbiamo salutato il Re (con il quale ci incroceremo al Passatore) e ci siamo mangiati con Lillo un meritatissimo panino al chiosco vicino al parcheggio.
In macchina al ritorno,ho pensato che sportivamente parlando è stata la giornata perfetta per alcuni buoni motivi:ho fatto un bellissimo allenamento,il meteo tutto sommato ha tenuto,di testa sono pronto per un'altra notte sulla Colla al Passatore,il Re è Campione del Mondo,"l'altro"è sempre dietro come è giusto che sia....e non sono neanche tanto stanco!!!!
Buone corse!!
Simone Leo


This is your new blog post. Click here and start typing, or drag in elements from the top bar.

Very nice post. I just stumbled upon your blog and wanted to say that I have really enjoyed browsing your blog posts.

Reply



Leave a Reply.

    Modulo iscrizione Novara che corre

    Fai clic qui per effettuare modifiche.
    Fai clic qui per effettuare modifiche.
    modulo_iscrizione_novara_che_corre_2013.pdf
    File Size: 339 kb
    File Type: pdf
    Download File

    Picture
    Picture

    Partners



    Picture
    Scarpe Abbigliamento Accessori per il RUNNING
    Via Volta, 82/c Novara
    tel: 0321 659421
    runtome@alice.it


    Picture

    Biomek Sanitas si trova a Novara, alla cittadella dell'Artigianato, Corte degli Speziali 14 

    Ciao Enrico!

    Picture

    Archivio

    Novembre 2013
    Settembre 2013
    Luglio 2013
    Giugno 2013
    Maggio 2013
    Aprile 2013
    Gennaio 2013
    Dicembre 2012
    Novembre 2012
    Ottobre 2012
    Settembre 2012
    Luglio 2012
    Giugno 2012
    Maggio 2012
    Aprile 2012
    Marzo 2012
    Febbraio 2012
    Gennaio 2012
    Dicembre 2011
    Ottobre 2011
    Agosto 2011
    Giugno 2011
    Maggio 2011
    Aprile 2011
    Marzo 2011
    Febbraio 2011
    Gennaio 2011
    Dicembre 2010
    Novembre 2010
    Ottobre 2010
    Settembre 2010
    Luglio 2010
    Marzo 2010

    Categorie

    Tutto
    Deejay Ten 2010 Novara Che Corre C\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\